Computer: cretino ad alta velocità in dotazione, spesso, a cretini molto lenti.

— Stefano Benni

ubuntu

Ubuntu Small Business Server 10.04, eBook e Libro

http://www.stenoweb.it/files/blog/linuxsbs-2.jpg SECONDA EDIZIONE!

Lo scenario di una scuola o di una piccola o piccolissima azienda dove il desiderio di risparmiare senza sacrificare la sicurezza o l' efficienza è un bisogno primario, diventa il terreno perfetto per soluzioni basate su GNU Linux, un sistema operativo di larghissima diffusione nella rete delle reti e dalla comprovata efficienza, sicurezza e scalabilità.
E ora, con la seconda edizione di questa guida realizzeremo un piccolo ma efficente, moderno e completo sistema utilizzando il nuovo Ubuntu Server 10.04 LTS Server Edition che ci garantisce aggiornamenti fino al 2015.

This book is also available in English!.

Centrify, integrare Linux e Active Directory

http://www.stenoweb.it/files/blog/centrify.gif Negli ultimi tempi (diciamo un annetto o due), ho avuto parecchi problemucci con l'integrazione di Samba in un dominio Active Directory. Mi spiace dirlo, ma per onestà bisogna ammettere che in installazioni di una certa portata (100-200 utenti) bisogna armarsi di santa pazienza e limare parecchi fastidiosi problemi che ti piovono addosso sul fronte dei permessi su file e cartelle. Spesso questi vengono beatamente ignorati causando, quando va bene, dei blocchi nelle applicazioni che stanno usando i file condivisi. Urge un cambio di rotta per risolvere i problemi.

Deframmentare EXT2 con Ubuntu

http://www.stenoweb.it/files/blog/defrag_0.jpg Chiunque abbia messo in pratica la tecnica di backup descritta nella guida Small Business Server ed ampliata nel libro non può non aver notato un generale rallentamento delle operazioni di salvataggio con il passare del tempo. Malattie di Windows memoria? No. Semplicemente il file system EXT2 usato sui supporti di backup con il tempo, specie se la partizione si riempie oltre il 90%, "tende" a frammentarsi in modo anche vistoso. Abbiamo due possibilità: formattiamo il supporto periodicamente e ricominciamo da zero con gli snapshots oppure tentiamo di deframmentare il la partizione. Qui vediamo come perseguire la seconda via con Ubuntu Lucid.

Cambiare logo a Zimbra

http://www.stenoweb.it/files/blog/zimbra.jpg Non avete mai usato Zimbra Collaboration Suite (ZCS per gli amici) ? Fateci un giro, gran bella suite di groupware, che, per chi non lo sapesse, è un sistema moderno ed innovativo per la gestione della messaggistica e la collaborazione di gruppo o aziendale. Disponibile anche in italiano, ha le funzionalità che ci aspettiamo da un software che si candida ad essere una alternativa Open Source a Microsoft Exchange: posta elettronica, calendario e contatti condivisi. In questo post vediamo semplicemente come sostituire il logo di default di Zimbra con quello del nostro cliente.

VMware Tools per ESX4 da repository

http://www.stenoweb.it/files/blog/vmware_0.png I VMWare Tools sono indispensabili per un corretto funzionamento della macchina virtuale guest, sia essa Linux o Windows. Vediamo qui come installarli su Ubuntu o CentOS usando i repository forniti direttamente da VMWare. Nel caso di VMWare vSphere ESX 4, ecco un metodo alternativo al puro sorgente da compilare o il pacchetto RPM fornito con l' installazione.

Balla coi Puffi

http://www.stenoweb.it/files/blog/avatar_occhio.jpg Ho aspettato che la ressa si calmasse per infilarmi gli occhialoni 3D e vedermi Avatar, l'ultimo ipercazzutissimotecnologico film di Cameron. Che brutto crescere, e se James Cameron a 50 e passa anni ancora sogna gli omini blu... beh io che sono mooolto più giovane posso permettermi di assecondare la sua visione e versare il mio obolo. Risultato? Sono combattuto. E' possibile che un film con interesse trama = zero sia così interessante da desiderare di essere rivisto? Si, perché Avatar non è un film, ma un giro in giostra, e come tale è comunque e sempre un piacere.

Zimbra Small Business Server

http://www.stenoweb.it/files/blog/zimbra.jpg Da un paio di mesi sto provando Zimbra Collaboration Suite (ZCS per gli amici), che, per chi non lo sapesse, è un sistema moderno ed innovativo per la gestione della messaggistica e la collaborazione di gruppo o aziendale. Disponibile anche in italiano, ha le funzionalità che ci aspettiamo da un software che si candida ad essere una alternativa Open Source a Microsoft Exchange: posta elettronica, calendario e contatti condivisi. Ma non è tutto, e lo vedremo brevemente più avanti. Tutto vero? diciamo che, come spesso mi capita, la verità sta in mezzo. Se vi interessa, dopo un uso “basilare”, vi posso dare la mia opinione.

Limitare i processi

http://www.stenoweb.it/files/blog/quadcore.jpg Anche se parliamo di processi non voglio certo cimentarmi nell'antica polemica sulla lentezza della giustizia italiana, ma bensì sui più prevedibili processi che avvengono all'interno dei nostri umili computer. Spesso (spesso ? uhm, forse no dai ...) capita che si voglia avere un controllo più fine sull'operato del nostro scheduler Linux. Con il famoso e fumoso nice possiamo controllare la priorità di un precesso, ma esistono anche altri comandi come ionice per limitare il solo I/O oppure cpulimit per la sola percentuale della CPU da dedicare ad un processo. Portano vantaggi ? Mah! Spesso no, ma comunque tentar non nuoce. Vediamoli brevemente.

DNS dinamico & DHCP (3)

http://www.stenoweb.it/files/blog/ddns.png Questa parte conclusiva mostra come configurare il servizio DHCP e come fare in modo che venga automaticamente aggiornato il DNS quando viene assegnato un nuovo indirizzo IP. Prima di continuare dobbiamo seguire i due post precedenti sull'argomento per configurare in modo corretto il nostro DNS con Bind9.

DNS dinamico & DHCP (2)

http://www.stenoweb.it/files/blog/ddns.png Dopo aver visto come configurare un semplice servizio di caching DNS con Bind9 (Berkley Internet Name Daemon Version 9) e Ubuntu (la versione LTS, Hardy Heron 8.04), vediamo qualcosa di più utile nella configurazione di una LAN aziendale. Configuriamo il DNS come master per il nostro dominio per fare in modo che oltre al caching dei nomi esterni, risolva anche i nomi host della rete locale.

Condividi contenuti