Hardware: la parte di un computer che puoi prendere a calci

— Jeff Pesis

archlinux

ArchLinux Small Business Server (32) - Instant Messaging (2)

http://www.stenoweb.it/files/blog/archlogo.png Proseguiamo con la "noiosa" parte che prevede la configurazione del servizi accessori a jabberd. A vedere qui questa lista di file di configurazione sembra tutto facile, ma vi assicuro che non ci sono arrivato in cinque minuti... ma quanto è buona la pappa pronta ? :-D
Non mi dilungo sui principi di funzionamento di Jabber, invito i più curiosi a leggere la documentazione ufficiale non di facile reperibilità, confesso che ci ho messo un po' a trovarla. Ma magari sono un po' svampito io.
Bando alle ciance, iniziamo.

ArchLinux Small Business Server (31) - Instant Messaging (1)

http://www.stenoweb.it/files/blog/archlogo.png Un servizio di Instant Messaging per la nostra Small Business ? Già proprio così. L'idea mi è balenata quando, spostandomi di azienda in azienda, ho notato che la diffusione di Skype assume le dimensioni di una piovra: pazienza servisse per telefonare, ma nel 90% dei casi ho visto solo chat ! E usare la chat di Skype per lasciare messaggi a chi stà nella scrivania accanto mi sembra una boiata immensa: oltre allo spreco di banda (skype si connette a internet, magari siete nodo/centralino di un centinaio di utenti e non lo sapete), si pone anche il problema che senza connettività a internet il "servizio" si interrompe. E allora, signori e signore (mi sà che le signore sono poche ...), risolviamo il problema alla radice, un bel server IM privato realizzato per l'occasione grazie al signor Jabber, libero e spensierato.

Scan IP attivi nella sottorete

http://www.stenoweb.it/files/blog/archlogo.png Quante volte (informaticamente parlando ovviamente...) dobbiamo trovare gli host attivi nella nostra rete ? Mai ? Ma và là non ci credo, a me capita spessissimo e ogni volta cambio metodo per farlo dal "Ao, che ippì ha il tuo ferro ?" ad un più criptico netstat con qualche parametro che dimentico sempre come si usa ;). Bene, ora scriviamoci un metodo "via di mezzo" altrimenti dimentico pure questo ...

Firefox 3 & Firebug

http://www.stenoweb.it/files/blog/firebug.png Al ritorno dalle brevi ma meritate e rilassanti ferie non posso che lanciare un bel pacman -Syu per scaricarmi la mia vagonata settimanale di aggiornamenti. Tra le novità naturalmente spicca Firefox 3, ma con retrosorpresa ... non funziona Firebug !! Aaaaarghh !!!
Meno male che ha una versione beta, (aggiornata al 13 giugno) compatibile con il nuovo browser che mi fa tirare un bel sospirone.

Quaranta

http://www.stenoweb.it/files/blog/forty.png 11 giugno 1968 -> 11 giugno 2008

Son QUARANTA, signori e signore… conto tondo, lasciatemi entrare a pieno titolo nel club dei siamo forty...
E allora ? A qualcuno viene la depressione, qualcuno alterna spossatezza con quella a volte goffa e improvvisa vitalità che tanto fa sorridere gli adolescenti che ci guardano. Ma no dai ...

Applicazioni QT con style GTK

http://www.stenoweb.it/files/blog/qt4.png Questa è una buona notizia. Sappiamo tutti che le QT sono librerie multipiattaforma che "prendono" il look and feel della piattaforma su cui girano, che sia Linux (X11), Windows o MacOSX. Paradossalmente il problema maggiore si presenta proprio su Linux che abbinato con GNOME rende le applicazioni QT graficamente "aliene" all'ambiente. Ora sembra ci siano novità in questo senso, con le QT 4.4 abbiamo a disposizione, direttamente dai labs di trolltech, QGtkStyle che "renderizza" i widgets QT4 utilizzando il theme engine GTK a disposizione, in modo similare a come succede nell'ambiente Windows e MacOSX. Finalmente ! ;)

A volte ritornano

http://www.stenoweb.it/files/blog/ubuntu.png Devo essere sincero: non mettevo le mani su Ubuntu da oltre un anno, l'ultima che ho provato e stata la 7.04 Feisty Fawn. Una versione, ricordo, che mi aveva un po' deluso, anche se non più o meno di tutte le altre distro (Fedora, OpenSuse ecc.) che ho provato nei vari periodi. Hardware non riconosciuto, smanettamenti necessari per renderla presentabile e utilizzabile. Tutte operazioni che con ArchLinux, almeno per me, sono molto più agevoli essendo costantemente aggiornata e avendo un meccanismo di creazioni dei pacchetti moooolto più semplice rispetto alle debian based come Ubuntu. Ma ora che un amico ha voluto provare Linux, ho deciso, tanto per provare, di "appioppargli" la nuova 8.04 Hardy Heron. Devo dire che sono rimasto colpito, in positivo, da questa nuova release LTS.

Xenomania istruttiva

http://www.stenoweb.it/files/blog/xen.png In questi giorni preprimaverili mi son dedicato anche alla lettura costruttiva. Da un po' volevo affronare l'argomento Xen, non per improbabili installazioni in vista, ma solo perchè sono un inguaribile curiosone. E allora cosa c'e' di meglio di un buon (e recente) libro sull'argomento ? In Italia non troveremo mai libri di informatica che vadano oltre ad un "Excel for dummies" o robe del genere, ma per fortuna esiste Amazon che in una decina di giorni vi recapita direttamente a casa tutto il sapere del mondo :D.
Ho trovato un libro eccellente che consiglio a tutti, leggibile da chiunque abbia una minima esperienza con Linux e voglia farsi una buona (e anche di più) idea di cosa sia l'universo virtualizzazione.

VirtualBox 1.6, anzi Sun xVM VirtualBox 1.6

http://www.stenoweb.it/files/blog/virtualboxsun.png Corposo lifting per VirtualBox, che sale alla versione 1.6.0 e per l'occasione diventa "Sun xVM Virtualbox". Grazie a questo importante aggiornamento (e alla manina di Sun) vengono infatti implementate circa 2000 nuove piccole caratteristiche. Non potevo aspettare, ho creato i pacchetti e li ho messi nel mio repo.

Compattare un VDI di Virtualbox

http://www.stenoweb.it/files/blog/virtualbox.png Io per lavoro ho bisogno anche di Windows, e siccome il dual boot mi pare molto scomodo da usare, come molti altri ho deciso di virtualizzare il sistema made in Redmond in una bellissima VM con Virtualbox. Tutto ok, il VDI è comodissimo pure da trasportare e backuppare (altrimenti mi ci vuole una giornata a reinstallare tutti i tools di sviluppo in Windows...), non fosse che aumenta giorno per giorno di dimensioni: A fronte di 10GB circa "reali" il file VDI è arrivato oramai a quasi 30GB. VMWare ha un tool molto efficente per "comprimere" il file VMDK, Virtualbox và un po' aiutato. Grazie a Giornaledi Sistema per le preziose informazioni. Riporto qui il suo lavoro.

Condividi contenuti