Davanti ad un problema il matematico cerca di ricondurlo ad una formula matematica, il fisico cerca di risalire al fenomeno fisico che lo ha prodotto, l'informatico spegne e riaccende.

— Anonimo

tuxfeed

rsync server con CentOS

http://www.stenoweb.it/files/blog/centos.png Abbiamo già usato in passato rsync, un software in ottica client/server che sincronizza file e cartelle tra due locazioni (in rete o meno) minimizzando e ottimizzando il trasferimento dei dati. Un'importante caratteristica di rsync che non trova riscontri in programmi/protocolli simili (ad esempio ftp) è che il mirroring avviene attraverso una sola trasmissione per ogni direzione di comunicazione. rsync può copiare o visualizzare il contenuto delle directory e copiare i files, utilizzando opzionalmente la compressione dei dati e la ricorsione. Per default, rsync effettua la copia attraverso una connessione TCP sulla porta 873, ma può essere incapsulato su ssh per una trasmissione sicura dei dati. Tralasciamo ssh e vediamo come utilizzare il suo protocollo nativo usando come server CentOS. Sulle altre distro cambia solo la parte relativa all'installazione, per il resto rsync è rsync ...

Citrix XenServer 5.0 ? Sì, grazie.

http://www.stenoweb.it/files/blog/xenserver5.jpg Ho assistito ad una presentazione/maratona di carattere tecnico su l'ultima incarnazione di XenServer (la 5.0), prodotto di virtualizzazione enterprise di casa Citrix dopo l'acquisizione record (500 milioni di dollari) da parte di quest'ultima di Xensource, l'azienda che fino a quel punto portava avanti la strada commerciale del noto hypervisor opensource Xen. Non dimenticandoci della natura sempre trionfalistica dei relatori nelle presentazione delle loro creature, posso tranquillamente esprimere anche la mia modesta opinione sul prodotto Citrix: interessante, MOLTO interessante anche tenendo bene in considerazione alcuni aspetti forse dai più considerati marginali ma che personalmente mi hanno favorevolmente impressionato.

Shared folders con VMware Player

http://www.stenoweb.it/files/blog/vmware.png Ultimamante Virtualbox mi stà dando noie, niente di insopportabile o definito, ma tutta una serie di cazzatine qua e là che fanno spesso perdere la pazienza. Sopratutto la lentezza nell'accesso al disco o alle shered folders a volte è imbarazzante: non un blocco vero e proprio, ma una sana dormita che dura qualche secondo o ancor peggio qualche decina di secondi. Mah ! La VM è Windows XP e anche con defrag e compattazioni di VDI il problema sembra solo attenuato. Allora ri-ri-ri-faccio la conversione e ri-ri-provo ad usare VMware.

Dell Mini arriva in Italia. Sorry, solo con Ubuntu :)

http://www.stenoweb.it/files/blog/dellmini.png Questa volta non ci si può lamentare. Dell fino ad ora aveva snobbato il mercato italiano per quel che riguarda la preinstallazione di Ubuntu sul suo hardware. Ora invece, a sorpresa, con il suo nuovo netbook snobba Windows, almeno in Italia ....
Si, signori, Dell Inspiron Mini 9 è disponibile e può essere ordinato online da tutti noi solo con Ubuntu Linux MID Edition 8.04.
*Aggiornamento*
Segnalo agli interessati una serie di articoli dedicati al piccolo di casa Dell presso NetBook Italia.

RPM: Patch e rebuild di un package

http://www.stenoweb.it/files/blog/rpm.jpg Avete mai pensato di creare o più semplicemente (si fà per dire...) applicare una patch ad un pacchetto RPM ? No ? Allora non continuate a leggere ;)
Per gli altri ecco come creare un patchfile delle vostre modifiche e come applicarle durante la creazione del pacchetto RPM usando rpmbuild.

Installazione minima di CentOS 5.1

http://www.stenoweb.it/files/blog/centos.png Oramai mi sono abituato ad installare Archlinux o Debian Etch (netinst) sui piccoli server e dovendo per una volta rivolgermi a CentOS per creare una "small" VPS, mi son immediatamente chiesto : "Ma con CentOS si può fare una installazione minima ed aggiungere solo dopo quello che veramente serve ?". La risposta è sì, ma bisogna far qualche passo manuale. Vediamo un po' come.

Vademecum

Tagged:

http://www.stenoweb.it/files/blog/vademecum.jpeg Finisce l'estate, si ritorna ad occuparsi di problemi "veri" che vanno oltre il driver di una periferica o l'aggiornamento di qualche server. Settembre è da sempre, almeno per me, tempo di bilanci annuali, tempo in cui dò una occhiata fugace al "dove eravamo" 12 mesi fà per vedere se ci si trascina stancamente in avanti, indietro o se invece qualcosa di interessante si muove. Non voglio tediare nessuno con "ho fatto questo, farò quello" (anche se in passato ci sono cascato) ma voglio proporre una analisi di quello che vedo in giro sul rapporto che hanno le piccole aziende (almeno nella mia zona) con l'informatica e con gli investimenti in questo campo. La situazione non è idilliaca, tantissima frammentazione, soluzioni inventate in casa o consigliate dal cugino più o meno esperto. Ma la colpa non è tutta da una parte, il mondo gira troppo rapidamente, da mal di testa cronico e una piccola azienda ha enormi difficoltà a rimanere al passo anche perchè di gente che dovrebbe proporre soluzioni e che ne capisce qualcosa ce n'è ben poca: molti commercianti, pochi manager e la convinzione che gli investimenti in questo campo sono buttati alle ortiche.

Connessione a IBM AS400/iSeries con Linux

http://www.stenoweb.it/files/blog/iseries.png In molte aziende italiane ed europee sono utilizzati i sistemi IBM iSeries, diretta evoluzione dei precedenti IBM AS/400. E’ possibile connettersi a questi sistemi tramite telnet ma questo non costituisce una maniera solida e comoda per svolgere tutte le operazioni.
Le modalità terminale svolte dal client telnet di Linux non includono l’emulazione 5250 utilizzata dagli AS400/iSeries e ciò rende impossibile utilizzare i colori e i tasti avanzati F13-F24, Attn, Field Exit, etc.

Dalla palestra alla poltrona

http://www.stenoweb.it/files/blog/donna_su_poltrona.jpg Tempo di decisioni importanti per me: la sostituzione di Archlinux sul mio Notebook di lavoro. Dopo un annetto scarso di dura e salutare palestra Archlinux, è giunto il momento di cambiare, anche per vedere a che punto siamo con le distribuzioni poltrona, più comode per il supporto fornito lato desktop e con meno ... sorprese. In questo post, a tratti noioso, condito di opinioni personali, e per nulla originale, vediamo come è andata anche se per un giudizio più obbiettivo bisogna attendere almeno qualche mese di uso continuato.

ArchLinux Small Business Server (35) - Instant Messaging (4)

http://www.stenoweb.it/files/blog/archlogo.png Terminamo la breve cavalcata (ma neanche tanto) sui servizi "Messaging" del nostro SBS Server dedicandoci ai clients e all'integrazione con la nostra struttura aziendale. A questo punto il server dovrebbe essere funzionante e operativo, basterebbe usare/installare/configurare un qualsiasi client che supporti XMPP/jabber sui PC della rete. Ma non mi pare "elegante". Molto meglio centralizzare la gestione ed assegnare dal server chi debba o meno usare il messaging senza dover intervenire manualmente su ogni macchina della rete. Ecco come si fà (o meglio: ecco come ho fatto io).

Condividi contenuti