Se volete che la funzione di un programma non venga scoperta dall'utente, descrivetela nella documentazione.

— Anonimo

OS/2 Open Source ? No Sorry ...

Tagged:

http://www.stenoweb.it/files/blog/os2.png A, che ricordi ! Ho lavorato anni con OS/2, lo usavo sul desktop e sui server e ora scopro che c'e' ancora una comunità attiva che ha lanciato una petizione per non far scomparire questo rivoluzionario (all' epoca) sistema operativo targato IBM , chiedendo alla stessa di pubblicare il codice sorgente con licenza Open Source. Purtroppo la risposta di IBM è stata negativa, per problemi di brevetti che coprono alcune sue parti.

La petizione era stata lanciata da , e la risposta di IBM è stata la seguente:

Dear Mr. Haverblad,

Thank you for your letter and continued suggestions recommending an OS/2 open source project.
As stated in our response to your September 2005 letter we have considered the positioning of OS/2 and open source several times in the past, and for a variety of business, technical, and legal reasons we have decided to not pursue any OS/2 open source projects.

IBM has service offerings that continue to be available for customers who need ongoing support for OS/2, although IBM has no plans for product enhancements. IBM has recommended that customers on OS/2 consider migration to alternative solution offerings, and has a broad array of software assets and services to help customers migrate. We would like to ask you to encourage any customers who are still planning their migrations or who have other technical requirements to contact their IBM representative to discuss how these assets and services could be leveraged.

Sincerely,

Yvonne M. Perkins
Vice President
Enterprise Platform Software

Una storia travagliata

Inutile dire quale sia il problema vero ? I famigerati brevetti sul software. OS/2 nasce come progetto congiunto Microsoft/IBM per designare il successore del DOS, quindi ci sono ampie parti di "proprietà Microsoft" in OS/2, e questo tarpa le ali in partenza.
Che storia travagliata per OS/2, il suo principale problema era di essere troppo avanti per l'hardware dell'epoca, (stiamo parlando di 386 e 486) probabilmente Microsoft azzeccò la mossa (anzi, possiamo togliere il "probabilmente") di puntare su Windows 95, un SO nettamente inferiore dal punto di vista tecnico ma molto più reattivo sull' hardware degli anni 90. IBM andò avanti a testa bassa e il resto è storia.

Innovativo e solido

Però non possiamo dimenticare quello che era OS/2 all'epoca:

32 bit

Quando uscì OS/2 c'era Windows 3.1, e quindi il paragone era veramente blasfemo. OS/2 era completamente a 32 bit con un ambiente che emulava le diffuse applicazioni a 16 bit DOS e Windows 3.1. Addirittura conteneva una versione particolare di Windows, ricordo che l'ho usato anche solo per far andare applicazioni DOS in parallelo, operazione altrimenti impossibile all'epoca.

DE a oggetti

E il Desktop Environment ? Si chiamava WPS (WorkPlace Shell) ed era veramente una rivoluzione in quei tempi, completamente ad oggetti e personalizzabile. Difficile da spiegare a chi non l'ha mai usato, una vera chicca.

Arriva Windows NT

OS/2 dovette battagliare con Windows 95 sui desktop, partita persa vista la maggiore reattività di Windows, poco importava se tecnicamente era superiore, alla gente comune questo non interessa.
In ambito server invece la battaglia era tra Netware e OS/2 Server fino a quando spunta Windows NT 3.51: un mostro di lentezza con l'interfaccia di Windows 3.1, ma tecnicamente evoluto e pronto a spingere OS/2 verso il declino, culminato con l'uscita di NT 4 workstation e server. Microsoft è stata ganza all'epoca, aveva una alternativa "leggera" al suo sistema NT: il PC và lento ? Metti Win9X. OS/2 in questi casi rimaneva al palo.

Va bhè, i motivi del declino di OS/2 non sono solo questi, forse fu di maggior peso la mancanza di Office (sì, sì, sempre lui) e di software in generale che oramai si dirigeva in modo deciso verso le piattaforme Microsoft.

Hasta la vista OS/2 !