Pensare? Perché pensare! Abbiamo i computer che lo fanno per noi.

— Jean Rostand

Quando i sistemisti domineranno la Terra

Tagged:

Felix si staccò da IRC un’ora più tardi. Atlanta era bruciata. Manhattan era radioattiva, abbastanza da fottere tutte le webcam che inquadravano Lincoln Plaza. Diedero tutti la colpa all’Islam finché non fu chiaro che anche La Mecca era un braciere e che i reali sauditi erano stati impiccati davanti ai loro palazzi.A Felix tremavano le mani, Van stava piangendo in silenzio in un angolo lontano della sala. Cercò nuovamente di chiamare casa, poi provò a mettersi in contatto con la polizia. Non ebbe miglior fortuna rispetto ai venti tentativi precedenti.Si collegò in ssh al suo computer del piano di sotto e aprì la casella di posta. Spam, spam, spam. Altro spam. Messaggi automatici. Ecco, un messaggio urgente dal sistema di rilevamento intrusioni dell’armadio della Ardent. Qualcuno stava tentando di entrare nei suoi router ripetutamente e in modo grossolano. L’aggressione non corrispondeva a nessuna firma conosciuta di worm. Seguendo il traceroute scoprì che l’attacco partiva da quello stesso edificio, un piano sotto il suo.

C’erano procedure per situazioni del genere. Fece una scansione delle porte del suo aggressore e trovò la porta 1337 aperta. 1337 stava per “leet”, ovvero “elite” nel codice numeri/lettere degli hacker. Il genere di porte che i worm lasciavano aperte per strisciare dentro e fuori dai computer. Cercò su Google exploit conosciuti che si mettessero in ascolto sulla porta 1337, restrinse il campo utilizzando i dettagli del sistema operativo del server compromesso e infine trovò il colpevole.

Era un worm vetusto, uno per il quale tutte le macchine sarebbero dovute essere protette ormai da anni. Non aveva importanza. Ne aveva il client e lo usò per crearsi un account di root nel sistema, ci si loggò e si diede una guardata in giro.

C’era solo un utente attivo, scaredy, e controllando il monitor dei processi vide che aveva lanciato le centinaia di processi che stavano sondando le sue macchine come molte altre.

Aprì una chat.

-> Smetti di sondare i miei server.

Si aspettò escandescenze, colpa, negazione. Fu sorpreso.

-> Sei nel data center di Front Street?
-> Sì.
-> Cristo, credevo di essere l’unico sopravvissuto. Sono al quarto piano. Credo che là fuori ci sia un attacco biologico. Non voglio lasciare la sala asettica.

Felix emise un lungo sospiro.

-> Mi stavi sondando per farti rintracciare?
-> Già
-> Brillante

Sveglio, il bastardo.

-> Sono al sesto piano. C’è un’altra persona con me.
-> Cosa sapete?

Felix copiò il log della chat IRC e aspettò che il tizio lo digerisse. Van stava in piedi e camminava avanti e indietro. I suoi occhi erano velati.
— Van?
— Mi scappa la pipì.
— Non possiamo aprire la porta. Ho visto una bottiglia di Mountain Dew vuota in quel bidone lì.
— Giusto — disse Van. Camminò come uno zombie fino al bidone e tirò fuori la magnum vuota. Si voltò verso il muro.

-> Mi chiamo Felix
-> Will

Felix pensò a 2.0 e il suo stomaco fece un salto mortale.
— Felix, credo di dover uscire — disse Van. Si sava muovendo verso la porta stagna. Felix lasciò cadere la tastiera, si mise in piedi e corse a testa bassa verso Van, buttandolo a terra prima che raggiungesse l’uscita.
— Van — disse, guardando gli occhi velati e assenti del suo amico. — Guardami, Van.
— Devo uscire — disse Van. — Devo andare a casa a dar da mangiare ai gatti.
— C’è qualcosa là fuori, qualcosa di rapido e letale. Forse il vento lo disperderà. Forse non c’è già più. Ma noi ce ne staremo qui finché non saremo certi di non avere altra scelta. Siediti, Van. Siediti.
— Ho freddo, Felix.
Si gelava. Felix aveva la pelle d’oca sulle braccia, mentre i piedi gli sembravano blocchi di ghiaccio.
— Appoggiati ai server, vicino alle ventole. Prenditi il caldo che buttano fuori. — Trovò un armadio e ci si rannicchiò contro.

-> Sei lì?
-> Sempre qui — pensavo alla logistica
-> Quanto ci vorrà prima di poter uscire?
-> Non ne ho idea

Per un po’ di tempo nessuno scrisse niente.
Felix dovette servirsi per due volte della bottiglia di Mountain Dew. Poi fu di nuovo il turno di Van. Felix cercò ancora di chiamare Kelly. Il sito della Metro Police era caduto.

Appoggiò la schiena ai server, scivolò fino a sedersi per terra, cinse le ginocchia tra le braccia e pianse come un bambino.
Dopo un minuto, Van gli si avvicinò e gli si sedette di fianco, mettendogli un braccio attorno alla spalla.
— Sono morti, Van. Kelly e mio f… figlio. La mia famiglia non c’è più.
— Non puoi esserne sicuro — disse Van.
— Sono sicuro quanto basta. Cristo santo, è la fine di tutto, vero?
— Terremo duro ancora per qualche ora e poi usciremo. La situazione dovrebbe tornare presto alla normalità. I pompieri sistemeranno le cose. Mobiliteranno l’esercito. Andrà tutto bene.

A Felix facevano male le costole. Non piangeva da quando era nato 2.0. Strinse con più forza le ginocchia a sé.

Poi la porta si aprì.

I due sistemisti che entrarono sembravano spiritati. Uno aveva una maglietta con scritto “TALK NERDY TO ME”, l’altro indossava una camicia della Electronic Frontiers Canada.
— Muovetevi — disse TALK NERDY. — Ci stiamo radunando all’ultimo piano. Usate le scale.
Felix si accorse solo in un secondo momento che stava trattenendo il fiato.
— Se nell’edificio c’è un agente tossico saremmo infettati ugualmente, prima o poi — disse TALK NERDY. — Venite, ci vediamo là.
— C’è una persona al sesto piano — disse Felix alzandosi in piedi.
— Sì, Will. Lo abbiamo avvisato. È già salito.
TALK NERDY era uno degli Stronzissimi Sistemisti Infernali che avevano riavviato i grossi router infetti. Felix e Van salirono lentamente le scale mentre i loro passi echeggiavano sulla rampa deserta. Dopo l’aria gelida della sala server, le scale sembravano una sauna.

All’ultimo piano c’era un bar con gabinetti funzionanti, acqua, caffè e macchinette distributrici. Davanti a ognuna di quelle cose c’era una coda di sistemisti chiaramente a disagio. Nessuno guardava in faccia nessuno. Felix si chiese chi di loro fosse Will, poi si mise anche lui in coda per le macchinette.

Prima di finire gli spiccioli riuscì a prendere un paio di barrette energetiche e una tazza gigante di caffè. Van si era conquistato un po’ di spazio su un tavolo e Felix vi appoggiò la roba prima di mettersi in coda per il bagno. — Tieni, lasciamene un po’ — disse, lanciando a Van una delle barrette.

Meraviglioso!

davvero un'opera ben riuscita.. me lo sono letto tutto filato. spero che lo leggano molte persone :)

inquietante e bellissimo

Bello davvero. :D

Molto inquietante, ma fatto davvero bene.. Mi ricorda un po' Jericho..

Molto bello e scorrevole :).
Peccato che via via sia diventato sempre piu' veloce. Sarebbe stato carino vederlo piu' sviluppato ma, ammetto che sarebbe stato un bel lavoro ^^

Concordo!
Comunque, un lavoro splendido! L'ho letto tutto d'un fiato!!!

Appena finito di leggerlo; molto carino, davvero. :-)
Una cosa però non è chiara, forse volutamente: chi è il responsabile dell'epidemia?

for Carlo.OS

Noi esseri umani.

Grazie per aver postato questo racconto, mi è piaciuto molto, É la prima volta che leggo un racconto il cui tema principale sia l'informatica, di solito bisogna subire le castronerie informatiche che sparano nei film!

Ƭhiѕ site certaіnly hаѕ all the іnformation and facts I wаnted аbout this subject and dіdn't know who to ask.

Because this formula has natural substances that are really helpful in building muscles and
also triggers the brain cell to generate more
and more energy to grow muscles faster, bigger and stronger
than they were before the use of this product. However most studies indicate that long term
use (12 months or more) of saw palmetto also eased urination and
increased sexual function significantly. People are looking
out for safe and natural ways for male enhancement even from the
historical times.

Wonderful article! This is the kind of info that
are meant to be shared across the web. Shame on Google for
no longer positioning this publish higher! Come on over and discuss with my website .

Thank you =)

You actually make it seem so easy with your presentation but I find this matter to be actually something that I
think I would never understand. It seems too complex and
very broad for me. I'm looking forward for your next
post, I'll try to get the hang of it!

Because the admin of this website is working, no doubt very soon it
will be well-known, due to its feature contents.

Hi there I am so excited I found your website, I really found you by error,
while I was browsing on Bing for something else, Regardless I am here now and would just like to say thanks
for a remarkable post and a all round exciting blog (I also love the theme/design), I don't have time to browse
it all at the minute but I have bookmarked it and also
included your RSS feeds, so when I have time I will be back to
read a great deal more, Please do keep up the superb job.

Initially, Shadow Fight 2 hack coins generator they must cope with his henchmen, who're prepared for a fierce battle.

Sweet blog! I found it while searching on Yahoo News. Do you have any tips on how to get listed in Yahoo News?

I've been trying for a while but I never seem to get there!
Many thanks

You will see progres bar, and when it finishes you get your items in 30 secons period.
And the method is to use the - CSR Classics i - OS Cheat presented here.
You get everything from an old Mini to a BMW 507 to a Lancia Stratos to an Audi 100, as long as you have the Gold or the Cash to
do so.

Heaven forbid we should ver experience a reclining seat in a
house of worship. If I go to a Broadway show, my seat does not recline.
More important, at least to me, iis that neitheer does the seat in front of me.

Hi my loved one! I wish to say that this article is amazing, nice written and come with approximately all important infos.

I'd like to see more posts like this .
Locksmith San Antonio Texas ™
6830 Spring Garden St
San Antonio, TX 78249
(830) 730-4236

I blog quite often and I genuinely thank you for your information. Your
article has truly peaked my interest. I'm going to bookmark your site and keep checking for new information about once
a week. I subscribed to your RSS feed too.

Las aplicaciones educativas de los dibujos para colorear son versátiles y asimismo
pueden ser un medio de ayuda valioso en la enseñanza en la educación generalmente.

Remarkable! Its actually awesome post, I have got much clear idea regarding from this post.

For the reason that the admin of this website is working, no uncertainty very soon it will be
renowned, due to its quality contents.