Computer: cretino ad alta velocità in dotazione, spesso, a cretini molto lenti.

— Stefano Benni

Quando i sistemisti domineranno la Terra

Tagged:

http://www.stenoweb.it/files/blog/click.jpg Straordinario racconto vincitore del Premio Locus 2007, scritto da Cory Doctorow, uno dei più talentuosi giovani autori della nuova generazione della fantascienza. 14 pagine da leggere, per noi del mestiere :)

Quando il telefono speciale di Felix squillò alle due di notte, Kelly, rigirandosi, gli tirò un pugno sulla spalla, per poi sibilargli: — Perché non spegni mai quel cazzo di coso prima di andare a letto?
— Devo essere reperibile. — Rispose lui.
— Non sei un cazzo di dottore — disse lei, tirandogli un calcio. Nel frattempo Felix si era seduto sul bordo del letto per infilarsi i calzoni che aveva lasciato sul pavimento appena prima di andare a dormire. — Sei un dannato sistemista.
— È il mio lavoro — disse lui.
— Ti fan lavorare come un somaro — disse lei. — Lo sai che ho ragione. Per amor del cielo, sei un padre di famiglia ora, non puoi metterti a correre nel mezzo della notte ogni volta che qualcuno non riesce a scaricarsi un porno. Non rispondere a quel telefono.
Felix sapeva che sua moglie aveva ragione. Rispose al telefono.
— I router principali non rispondono. Il BGP non risponde. — Alla voce meccanica del sistema di controllo gli insulti non facevano alcun effetto, quindi la insultò, e questo lo fece sentire un poco meglio.
— Forse riesco a sistemarlo da qui — disse. Poteva collegarsi all’UPS del rack e riavviare i router. L’UPS stava in un segmento di rete differente, con router indipendenti e sistemi di alimentazione di emergenza separati.
Kelly sedeva sul letto, una forma indistinta contro la testata. — In cinque anni di matrimonio non sei mai riuscito a sistemare niente da qui.

Quella volta aveva torto: sistemava le cose da remoto in continuazione, ma con discrezione e senza fare troppe scene, ed era per questo che lei non se ne ricordava. Ma allo stesso tempo aveva anche ragione. Dai log si vedeva chiaramente che dopo l’una di notte non poteva essere più sistemato senza prendere la macchina e andare al rack. Era la Legge della Malvagità Universale, conosciuta anche come la Legge di Felix.

Cinque minuti dopo Felix era al volante. Non era riuscito a sistemarlo da casa. Anche la rete dei router indipendenti era giù. L’ultima volta era successo perché un muratore rimbecillito aveva tranciato con l’escavatore il principale condotto dati del data-center. Per una settimana Felix si era unito allo squadrone di cinquanta furiosi amministratori di sistema che, in piedi davanti alla buca, insultavano i poveracci costretti a lavorare giorno e notte per ricollegare tra loro diecimila cavi tranciati.

Il telefono suonò altre due volte mentre era in macchina, e lui lasciò che la voce automatica sovrastasse l’autoradio e gli recitasse dagli altoparlanti il malfunzionamento di altre infrastrutture di rete. Poi chiamò Kelly.
— Ciao — disse.
— Non fare il ruffiano. Guarda che dalla voce si sente.
Sorrise involontariamente. — Ma no, ho controllato, nessuna ruffianeria.
— Ti amo, Felix — disse lei.
— E io sono completamente pazzo di te, Kelly. Torna a letto.
— Due punto zero è sveglio — disse. Il bambino era in beta test quando stava nel grembo di sua moglie; quando le acque le si ruppero e lui ricevette la chiamata, si precipitò fuori dall’ufficio gridando — Stiamo andando in Gold! — Cominciarono a chiamarlo 2.0 prima che smettesse di piangere il suo primo pianto.
— Questo piccolo bastardo è nato per succhiare capezzoli.
— Mi spiace di averti svegliata — disse lui. Era quasi arrivato al data-center. Non c’è traffico alle due di notte. Rallentò e accostò prima dell’ingresso del garage. Non voleva far cadere la linea andando sottoterra.
— Non è perché mi hai svegliato — disse lei. — Lavori lì da sette anni. Hai tre dipendenti sotto di te. Quel telefono devi darlo a loro. Tu hai già dato abbastanza.
— Non mi va di chiedere di fare qualcosa che non sono disposto a fare anch’io.
— Ma tu l’hai già fatto. Te lo chiedo per piacere. Odio svegliarmi e trovarmi sola. Di notte mi manchi tantissimo.
— Kelly…
— Non sono più arrabbiata. Mi manchi e basta. Quando sei con me faccio bei sogni.
— OK — disse lui.
— Tutto qui?
— Esatto. Tutto qui. Non voglio che tu abbia gli incubi e ho già dato abbastanza. D’ora in avanti mi prenderò le reperibilità notturne solo per coprire i periodi di ferie.
Lei rise. — I sistemisti non vanno in ferie.
— Il tuo ci andrà — le disse lui. — Promesso.
— Sei meraviglioso. Oddio, che schifo. 2.0 ha appena fatto un core dump sulla mia vestaglia.
— E bravo il mio ragazzo.
— Tutto suo padre — disse lei. Riattaccò e Felix condusse la macchina fino al parcheggio del data-center, fece passare il tesserino e sollevò una stanca palpebra per permettere allo scanner della retina di dargli una bella guardata nell’occhio assonnato.

Si fermò al distributore per prendersi una barretta energetica al guaranà-medafonil e del velenoso caffè da macchinetta. Sbranò la barretta e sorseggiò il caffè dalla tazza anti-rovesciamento, dopo di che la porta interna lesse la forma della sua mano e lo misurò in un istante. Si aprì con un sospiro e una ventata di aria a pressione positiva lo investì quando infine riuscì a entrare nel sancta sanctorum.

Era un casino. Le sale server sono progettate per permettere a due o tre sistemisti di lavorarci contemporaneamente. Ogni altro centimetro cubo è destinato alle ronzanti fila di server, router e dischi. Ma in quell’istante non erano meno di venti le persone che si accalcavano attorno agli armadi. Formavano la prevedibile adunata di magliette nere dalle scritte incomprensibili e di pance cascanti sopra cinture dalle quali pendevano telefonini e coltellini tascabili.

Di solito in sala server ci si congela, ma tutti quei corpi stavano surriscaldando il piccolo spazio chiuso. In cinque o sei alzarono lo sguardo e sorrisero quando Felix li oltrepassò. Due lo salutarono per nome. Lui infilò la pancia tra la calca e i rack, fino ad arrivare all’armadio della Ardent all’altro lato della stanza.
— Felix. — Era Van, che quella notte non era reperibile.
— Che ci fai qui? — disse Felix. — Non serve a nessuno che domani siamo entrambi in coma.
— Come? Ah, no, il mio server personale è laggiù. È caduto attorno all’una e mezza e sono stato svegliato dal sistema di controllo. Avrei dovuto chiamarti per dirti che stavo venendo io, ti avrei risparmiato il viaggio.

Il server personale di Felix invece, condiviso con altri cinque amici, stava in un armadio al piano di sotto. Si chiese se anche quello fosse offline.
— Che succede?

Meraviglioso!

davvero un'opera ben riuscita.. me lo sono letto tutto filato. spero che lo leggano molte persone :)

inquietante e bellissimo

Bello davvero. :D

Molto inquietante, ma fatto davvero bene.. Mi ricorda un po' Jericho..

Molto bello e scorrevole :).
Peccato che via via sia diventato sempre piu' veloce. Sarebbe stato carino vederlo piu' sviluppato ma, ammetto che sarebbe stato un bel lavoro ^^

Concordo!
Comunque, un lavoro splendido! L'ho letto tutto d'un fiato!!!

Appena finito di leggerlo; molto carino, davvero. :-)
Una cosa però non è chiara, forse volutamente: chi è il responsabile dell'epidemia?

for Carlo.OS

Noi esseri umani.

Grazie per aver postato questo racconto, mi è piaciuto molto, É la prima volta che leggo un racconto il cui tema principale sia l'informatica, di solito bisogna subire le castronerie informatiche che sparano nei film!

Ƭhiѕ site certaіnly hаѕ all the іnformation and facts I wаnted аbout this subject and dіdn't know who to ask.

Because this formula has natural substances that are really helpful in building muscles and
also triggers the brain cell to generate more
and more energy to grow muscles faster, bigger and stronger
than they were before the use of this product. However most studies indicate that long term
use (12 months or more) of saw palmetto also eased urination and
increased sexual function significantly. People are looking
out for safe and natural ways for male enhancement even from the
historical times.

Wonderful article! This is the kind of info that
are meant to be shared across the web. Shame on Google for
no longer positioning this publish higher! Come on over and discuss with my website .

Thank you =)

You actually make it seem so easy with your presentation but I find this matter to be actually something that I
think I would never understand. It seems too complex and
very broad for me. I'm looking forward for your next
post, I'll try to get the hang of it!

Because the admin of this website is working, no doubt very soon it
will be well-known, due to its feature contents.

Hi there I am so excited I found your website, I really found you by error,
while I was browsing on Bing for something else, Regardless I am here now and would just like to say thanks
for a remarkable post and a all round exciting blog (I also love the theme/design), I don't have time to browse
it all at the minute but I have bookmarked it and also
included your RSS feeds, so when I have time I will be back to
read a great deal more, Please do keep up the superb job.

Initially, Shadow Fight 2 hack coins generator they must cope with his henchmen, who're prepared for a fierce battle.

Sweet blog! I found it while searching on Yahoo News. Do you have any tips on how to get listed in Yahoo News?

I've been trying for a while but I never seem to get there!
Many thanks

You will see progres bar, and when it finishes you get your items in 30 secons period.
And the method is to use the - CSR Classics i - OS Cheat presented here.
You get everything from an old Mini to a BMW 507 to a Lancia Stratos to an Audi 100, as long as you have the Gold or the Cash to
do so.

Heaven forbid we should ver experience a reclining seat in a
house of worship. If I go to a Broadway show, my seat does not recline.
More important, at least to me, iis that neitheer does the seat in front of me.

Hi my loved one! I wish to say that this article is amazing, nice written and come with approximately all important infos.

I'd like to see more posts like this .
Locksmith San Antonio Texas ™
6830 Spring Garden St
San Antonio, TX 78249
(830) 730-4236

I blog quite often and I genuinely thank you for your information. Your
article has truly peaked my interest. I'm going to bookmark your site and keep checking for new information about once
a week. I subscribed to your RSS feed too.

Las aplicaciones educativas de los dibujos para colorear son versátiles y asimismo
pueden ser un medio de ayuda valioso en la enseñanza en la educación generalmente.

Remarkable! Its actually awesome post, I have got much clear idea regarding from this post.

For the reason that the admin of this website is working, no uncertainty very soon it will be
renowned, due to its quality contents.