Un giorno le macchine riusciranno a risolvere tutti i problemi, ma mai nessuna di esse potrà porne uno.

— Albert Einstein

La nicchia paga ?

http://www.stenoweb.it/files/blog/stenofc.png Oggi mentre leggevo l'ennesima guida per configurare al meglio il notebook con Archlinux (e sì, non mi accontento mai :)) la domanda mi è sorta spontanea (chi diceva così ?): "Ma se vuoi allargare le tue competenze e conoscenze con linux sul desktop e metterle a frutto poi nella tua carriera professionale, che ci fai con la distro diciottesima su distrowatch ? Pigliati una delle prime 3/4 !" . E già, la passione è una gran bella cosa e usare una nicchia della nicchia magari non è opportuno, ma io in questo seguo il mio istinto e il mio passato è lì a dirmi che ho ragione. Se volete annoiarvi un po' e non avete niente di meglio da fare continuate a leggere pure :)

Oramai sono quasi due decenni che nuoto in questo mare di bit e byte, e girandomi indietro, non posso non fare a meno di sorridere, e notare la mia naturale avversione nel seguire un capomandria. Tutti vanno di là ? E io di qua.
Sorridiamo e facciamo una simpatica tabellina :

la mandria steno
msdos pcdos
C Pascal
lanmanager novell netware
windows 95 OS/2
visual basic delphi
windows NT server OS/2 Server
windows 2000/2003 server Linux Server
ubuntu desktop archlinux desktop
citrix 2X

bhe, forse msdos/pcdos è una forzatura e Netware era il leader nel suo campo all'epoca, ma potrei continuare con una marea di altri casi di software di vario genere, software di backup, suite da ufficio, peer to peer, o con le varie distro di linux di cui ho di rado usato la più diffusa . Naturalmente non ho mai ignorato gli inquilini della prima colonna , e ci mancherebbe altrimenti adesso sarei sicuramente a piantar patate o qualcosa del genere :) In fondo passo più tempo professionale su windows che su linux, ma quando arriverà il momento di quest'ultimo sul desktop (e arriva, lo "fiuto":)) io voglio essere pronto. Non immaginate neanche quante volte un inquilino della seconda colonna è passato nella prima quando ero già stufo di usarlo. Naturalmente esiste anche il percorso inverso (OS/2 docet) che dalle seconda colonna porta al limbo. Va bhe, nessuno è perfetto :)

La nicchia paga ?

Ma ritorniamo al titolo del post. Vista la mia naturale insofferenza nel confronti delle "prime donne" informatiche perchè non stò concimando un bel campo di patate (mestiere rispettabile, adoro le patate) anzichè esercitare la libera professione informatica ?

Mi è difficile dare una risposta, ma credo che il motivo principale sia uno: IO . Passione, testardaggine, abnegazione, onestà condita con una buona dose di capacità, talento e fiuto. Prima di iniziare il lancio dei pomodori aggiungo anche i termini modestia e un po di culo :).

Un secondo motivo è meno ovvio (il primo era ovvio no ?) ma altrettanto importante. Dedicarsi ai prodotti di nicchia è spesso più faticoso e allenante . Quando si impara a fare le cose difficili le più semplici quasi annoiano tanto vengono naturali. Mi credete che ho imparato a far funzionare meglio una rete Windows leggendo il manuale di Samba ? Grande documentazione, a leggerla.

Ma allora, paga o non paga stà nicchia ?

La risposta mi pare ovvia: DIPENDE . Ma da che ?

  1. La nicchia paga quando smette di essere tale. Il vantaggio è che chi nelle nicchie c'era si trova improvvisamente esperto di un settore/prodotto che gli altri cominciano solo ora a guardare. Ed è un bel vantaggio professionalmente parlando. Poi magari quando l'oggetto delle vostre passioni esce dall'anonimato, avete già girato il mirino da un'altra parte. Ma questo è un altro discorso.
  2. La nicchia paga quando resta tale . Se ci sono solo 5 persone nel mondo che sanno far funzionare qualcosa che anche pochissimi hanno c'e' comunque lavoro assicurato per tutti e 5.

Quindi bisogna "fiutare" il settore a cui dedicare il proprio tempo e soprattutto, se si ritiene sia una scelta giusta, non avere fretta. "Impara l'arte e mettila da parte" diceva la nonna, e ricordate che una persona intelligente sà cambiare opinione .

Ma cosa c'azzecca ArchLinux con questo ?

Adesso io non è che creda che Arch diventi la distro principe, anzi quasi sicuramente no, ma è una ottima palestra dal momento che obbliga a capire le cose. Difficile che un esperto di Arch (ma anche di Debian, Gentoo e Slackware) si trovi in panne con RedHat o Suse o Ubuntu. Sul contrario non ci scommetterei, anche se obiezioni solo lecite. Linux sui server è una realtà consolidata da tempo ma sul desktop no. Ma lo sarà, io ci credo con convinzione e sapete da quando ? Da quando Microsoft si è data una zappata sui piedi segando XP in favore di Vista. Sicuramente correrà ai ripari (lo ha già fatto prolungando la vita a XP con il prossimo service pack), ma intanto qualcuno a già girato lo sguardo altrove e probabilmente altri seguiranno.
Archlinux mi piace perchè a misura d'uomo (informatico), una piccola comunità in rapporto ad altre (per questo meno caotica e più "tecnica" come piace a me) formata da gente competente e disponibile. Bravi ragazzi.

Notte.