La documentazione è come il sesso; quando è ben fatta è davvero ben fatta, altrimenti... è meglio che niente.

— Dick Brandon

Rispondi al commento

Grandiosa notizia !

http://www.stenoweb.it/files/blog/samba.jpg Leggo proprio adesso sul una notizia che mi mette di buon umore per tutto il giorno. Microsoft renderà note le specifiche dei suoi protocolli CIFS a chi ne farà richiesta per garantire l'interoperabilità con i suoi prodotti! Naturalmente ciò non è dovuto ad un improvviso buonismo di MS ma ad una battaglia portata avanti da FSF e Samba con l'anitrust europea. Grande, grande !

Come avevo Samba 3 emula un domain controller in "vecchio" stile Microsoft, quello dell'oramai vetusto Windows NT. Con Windows 2000 e 2003 Samba può "entrare" in Active Directory come server membro ma non come domain controller.

La nuova versione Samba 4 (ora in alpha) è in sviluppo da molti anni e si pone come scopo la compatibilità con i "moderni" Domain Controller Microsoft, e tutto quello che è stato ottenuto fino ad oggi è frutto di Reverse Engineering non di collaborazione di Redmond, da cui i ritardi e i problemi di questa nuova versione.

Leggevo qualche tempo fà una intervista a (Mr. Samba per intenderci) che diceva come in passato era diverso il comportamento di MS quando a dominare il mercato server era Novell. Comunicava specifiche, collaborava, si scagliava contro IPX di Novell per promuovere il suo protocollo . Poi quando divenne lei leader e monopolista del segmento STOP. Basta comunicazione e collaborazione. Al Samba team è rimasto solo lo strumento di Reverse Engineering.

Ora pare cambi qualcosa. Probabilmente il progetto Samba 4 beneficerà enormemente di questa possibilità.
Speriamo bene.

il link alla notizia completa.

Grande giorno. Grazie FSF.

Rispondi

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.